giovedì 25 ottobre 2018

....da una serata al mare....gnocchetti con pomodorini, polpa di granchio e frisella al profumo di limone


Ingredienti: 

750 gr di gnocchi di patate
una confezione di polpa di granchio
2 cucchiai di passata di pomodoro
250 gr di pomodorini
uno scalogno
prezzemolo
vino bianco
olio evo 
sale e pepe
1 fresella
limone

Preparazione: 

Strofinate una fresella con il limone e bagnatela con un cucchiaio d'acqua; riducetela in briciole grossolane. Lavate i pomodorini e tagliateli in quattro parti. Riempite una pentola con l'acqua e mettetela sul fuoco. Sbucciate lo scalogno, mettetelo in padella con l'olio, lasciando soffriggere. Unite i pomodorini e fate cuocere per 15 minuti, coprendo con un coperchio. Unite sale e pepe. Aggiungete la polpa di granchi sgocciolata e  la passata, facendo cuocere per 5 minuti. Cuocete gli gnocchi nell'acqua bollente salata, scolateli e metteteli nella padella con in condimento, saltateli e cospargete di prezzemolo tritato. Impiattate e cospargete con la frisella sbriciolata. Servite caldi.

domenica 29 luglio 2018

N.1_Alici Fritte


"Pareno strisciulelle d’acqua ‘e mare !
Verde smeraldo si so’ fragulelle,
spruzzate ‘argiento dint’a na spasella
luceno p’ ’a frischezza e p’ ’o culore.
Si so’ cchiù grosse, so’ alice ‘e sperone,
accussì blù ca pareno pittate
comme, chi sa, ll’avessero pittate
mmane d’artista ‘e nu…decoratore.
I’ me fermavo spisso addu Luigione:
me ‘ncantavo a guardà ‘sta piscaria
ch’assumigliava a na giujelleria…
tant’era ‘o bbene ‘e Ddio ca se vedeva.
Ll’acqua scurreva ‘a tanti ffuntanelle.
sciuliànno ‘ncopp’â lastra d’ ’o bbancone
(na lastra ‘e marmo ca nun fa ‘mpressione
pecchè era vivo chello ca ce steva)
Ll’evera ‘e mare tutt’arravugliata
ê vvote cummigliava quase apposta
ciefàre, auràte, spigole, raoste.
saraghe, triglie ‘e morze e tutt’’o riesto.
Po' , tra na fronna e n’ata, ’o pesce ‘e taglia
cacciava n’uocchio lustro e ‘nsanguinato
comme pe ddì:« mo mmo m’hanno piscato !
Te paro muorto, ma so’ vivo ancora !»
Vuje che vulite ‘a mme? forse so’ fesso…
ma addò c’è gusto, hub ce sta perdenza…
V’ ’o ddico sotto voce, ’ncunfidenza,
ca preferisco ‘alice…E ch’aggio ‘a fà ?
Me piaceno ‘nturtiera, ’ncopp’ ’e ppizze,
spinate c’ ’o limone, si è zucuso,
ma chelle ca so’ proprio ‘e cchiù sfezziose,
a vverità..songo ll’alice fritte.
Ll’affierre cu ddoje ddete , capa e coda,
t’ ’e passe ‘nnanz’’o musso dritte, dritte
e comme si sunasse n’urganetto
siente musica ‘e mare ‘mmocca a tte.
Siccomme ‘o mare a mme me piace assaje
ve cerco sulamente nu favore:
Nun me purtate sciure quann’i’ moro,
nun appicciate lluce nnanz’â nicchia…
Voglio sentere addore ‘e chistu mare
( pure ‘int’’o testamento ll’aggio scritto)
Pirciò vv’ ’o ddico ‘a mo , ma zittu zitto
«Purtateme nu piatto ‘alice frltte ! »"
di G.Cangiano

domenica 22 luglio 2018

buon giorno...ed un velo di fior di frutta rigoni di asiago

La vera amicizia resiste al tempo, alla distanza, al silenzio 
(Isabel Allende)


Un solo ingrediente, fior di frutta rigoni di asiago ai frutti di bosco, per colorare un mattino di piena estate. Un pò di energia nella fiacca della calura estiva. L'ingrediente aggiunto che fa la differenza.



Una colazione in compagnia. 







Buongiorno a tutti voi


LinkWithin

Related Posts with Thumbnails